© 2018 Marco Sacco - All rights reserved

ITA | Come fotografo umanista, disinteressato dalla pittoresca raffigurazione della via Appia, sono affascinato dal paesaggio influenzato dall’uomo contemporaneo. La visualizzazione panoramica forza una lettura laterale dell’immagine: da sinistra a destra, da destra a sinistra, o dal centro ai lati, creando un’esperienza diversa di fotografia che, idealmente, fa “rallentare lo spettatore”. La prospettiva panoramica è propria di coloro che attraversarono la via: militari, commercianti e viaggiatori. Tratti percorsi con attenzione, acuendo la vista periferica, per essere all’erta, per esplorare il paesaggio, per riconoscerne il tragitto.

APPIA. Work in progress, edito da Feltrinelli, è un libro autoriale che raccoglie circa 100 immagini di nove fotografi. Si tratta di una ricerca approfondita sul percorso della Regina Viarum, la più antica strada d’Italia. È il risultato di un’indagine ispirata dal volume di Paolo Rumiz, Appia, che ripercorre attraverso lo sguardo fotografico, i tratti già percorsi dall’autore nel suo itinerario meridionale.

ENG  | As a humanist photographer, disinterested in the picturesque representation of the Appian Way, I am fascinated by the landscape influenced by contemporary man. The panoramic view forces a lateral reading of the image: from left to right, from right to left, or from the center to the sides, creating a different experience of photography that, ideally, makes “slow down the viewer”. The panoramic perspective is typical of those who crossed the street: military, merchants and travelers. Treat routes carefully, sharpening the peripheral view, to be alert, to explore the landscape, to recognize the route.

APPIA. Work in progress, published by Feltrinelli, is an authorial book that contains about 100 images of nine photographers. This is an in-depth research on the path of the Regina Viarum, the oldest road in Italy. The result is an investigation inspired by the volume of Paolo Rumiz, Appia, which retraces through the photographic gaze, the traits already traveled by the author on his southern itinerary.